15 Gen 2016 – Doniamo dotazioni per il nuovo ecocardiografo 3D

Un software e sonde speciali denominate x-Matrix, dedicate a un ecocardiografo di ultima generazione, che consentono di eseguire esami ecocardiografici tridimensionali molto precisi e in tempo reale, con un approccio non invasivo e senza utilizzare radiazioni né ricorrere alla sedazione.

 

È questo il frutto delle donazioni raccolte in occasione del tradizionale “Concerto di Primavera”, svoltosi il 17 aprile dello scorso anno e organizzato dall’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo, che quest’anno ha scelto di finanziare un progetto della nostra Associazione, a favore del reparto di Cardiochirurgia 2 – Pediatrica e delle Cardiopatie Congenite dell’ASST Papa Giovanni XXIII.
Grazie a questa donazione il Papa Giovanni XXIII è tra i pochissimi ospedali in Italia ad essere dotato di questa tecnologia, che consente di poter effettuare esami ecocardiografici tridimensionali anche in neonati di pochi mesi e basso peso.

 

“Nella diagnosi e nella cura delle cardiopatie congenite lo studio tridimensionale del cuore e delle sue valvole è importante per dare indicazioni precise sia al chirurgo che al cardiologo interventista nella riparazione di difetti congeniti e di vizi valvolari”, ha spiegato Simona Marcora, cardiologa dell’Unità di Cardiochirurgia 2 – Pediatrica e delle Cardiopatie Congenite dell’ASST Papa Giovanni XXIII. “Il principale vantaggio offerto da questa nuova tecnologia è la possibilità di visualizzare le strutture cardiache in ogni dimensione spaziale, a garanzia di una migliore comprensione delle alterazioni anatomiche nei pazienti con cardiopatie congenite e quindi di diagnosi più raffinate”.

 

Il Concerto di Primavera, che si inserisce nell’alveo delle attività solidali che l’Accademia promuove nel corso dell’anno per sostenere in modo tangibile le numerose associazioni di volontariato operanti nel territorio bergamasco, si è svolto al Teatro «Creberg» e vi hanno partecipato, a titolo gratuito, numerosi artisti di levatura nazionale, tra i quali: Roby Facchinetti, Omar Pedrini, Francesco Baccini, Amara, Hernan Brando, Silvia Aprile, Dimitra Theodossiou, i Maestri Bruno Santori, Leonardo Laserra Ingrosso, Gianluigi Dettori e «Radio Italia» nelle vesti di mediapartner.

 

“L’Accademia ha sostenuto con grande attenzione e impegno questa iniziativa di solidarietà, che ha permesso di raggiungere un obiettivo concreto per la cura dei bambini affetti da patologie cardiache. Si tratta di una delle numerose attività svolte a stretto contatto con il territorio di Bergamo e della sua cittadinanza, a testimonianza del forte legame che lega il nostro Istituto alla comunità locale” ha dichiarato il Gen. B. Virgilio Pomponi, Comandante dell’Accademia della Guardia di Finanza.

 

Da 10 anni L’orizzonte di Lorenzo ONLUS mette al centro del suo impegno l’assistenza e la cura di bambini e adolescenti affetti da cardiopatie congenite, in cura all’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
“La donazione di oggi ci rende particolarmente orgogliosi”, ha commentato Alessandra Panarese, Presidente dell’Associazione. “Completato con queste dotazioni, l’ecocardiografo può dare il meglio di sé e i piccoli pazienti beneficeranno di interventi ancora più mirati. Ringrazio il Generale di Brigata Virgilio Pomponi, comandante dell’Accademia della Guardia di Finanza, per averci sostenuto ed aver scritto insieme a noi un’importante pagina nella cura di questi bambini”.

Il Papa Giovanni XXIII è centro di riferimento in Italia per la diagnosi e il trattamento delle cardiopatie congenite e acquisite in età pediatrica, in virtù della  casistica trattata, del numero di pazienti, della tipologia delle patologie curate e dei risultati ottenuti.

“Grazie all’Associazione L’Orizzonte di Lorenzo ONLUS e alla Guardia di Finanza che ancora una volta hanno scelto di destinare la loro attenzione e la loro generosità al nostro ospedale donandoci un’apparecchiatura, avremo la possibilità di fare un ulteriore passo in avanti nella cura dei bambini cardiopatici, compresi quelli che con le precedenti tecniche erano troppo piccoli per giovare di immagini ecocardiografiche così raffinate e precise”, ha dichiarato Carlo Nicora, Direttore Generale dell’ASST Papa Giovanni XXIII. “Lo strumento ci consentirà anche di poter partecipare a progetti di ricerca internazionali, alla pari di centri di primissimo livello, proiettando il nostro ospedale in un contesto di azione e relazione sempre più internazionale”.